Accadde oggi. Il 16 novembre 1922 il famoso “Discorso del bivacco”

Oggi, 16 novembre, di 98 anni fa, il DUCE Benito Mussolini pronuncia alla Camera dei Deputati il celeberrimo “Discorso del bivacco”. Un documento di immenso valore storico, con Mussolini pronto a presentare la sua lista di ministri all’Italia intera.

Alle ore 14.30, in un’aula gremita di gente, fecero ingresso i primi deputati fascisti e gli onorevoli Luigi Facta e Giovanni Giolitti. Alle ore 15.00, dalla porta destra, entrò Mussolini con indosso la redingote, calzoni neri e ghette bianche. Portava all’occhiello dell’abito il distintivo dei mutilati in guerra e teneva arrotolato in mano il manoscritto del discorso.

«Signori, quello che io compio oggi, in questa Aula, è un atto di formale deferenza verso di voi e per il quale non vi chiedo nessun attestato di speciale riconoscenza.»

Queste sono le parole con cui l’oratore aprì il suo discorso. Sostituì quindi la classica formula di esordio “Onorevoli colleghi” con un semplice “Signori” e affermò di non gradire nessun atto di riconoscenza: durante l’enunciazione, infatti, si mostrò infastidito dagli applausi e dalle congratulazioni rivoltegli dagli ascoltatori. Poi proseguì:

«[…] Io affermo che la rivoluzione ha i suoi diritti. Aggiungo, perché ognuno lo sappia,
che io sono qui per difendere e potenziare al massimo grado la rivoluzione delle «camicie nere»,
inserendola intimamente come forza di sviluppo, di progresso e di equilibrio nella storia della Nazione.»

A seguito di tali affermazioni, dette con accentuato tono della voce, scoppiarono i primi forti applausi provenienti dai banchi fascisti e nazionalisti, i quali non si limitarono solo ad applaudire in modo fragoroso, ma urlarono anche: “Viva il Fascismo! Viva Mussolini!”.

«[…] Mi sono rifiutato di stravincere, e potevo stravincere. Mi sono imposto dei limiti.
Mi sono detto che la migliore saggezza è quella che non ci abbandona dopo la vittoria.
Con 300 mila giovani armati di tutto punto, decisi a tutto e quasi misticamente pronti ad un mio ordine,
io potevo castigare tutti coloro che hanno diffamato e tentato di infangare il Fascismo.
Potevo fare di questa Aula sorda e grigia un bivacco di manipoli: potevo sprangare il Parlamento
e costituire un Governo esclusivamente di fascisti.
Potevo: ma non ho, almeno in questo primo tempo, voluto.»

Queste parole crearono grande subbuglio all’interno dell’aula: ad insorgere furono soprattutto i socialisti. L’onorevole Giuseppe Emanuele Modigliani urlò “Viva il Parlamento!” e i socialisti approvarono vivamente. Così, i fascisti insorsero a loro volta slanciandosi verso i banchi degli oppositori. La calma tornò lentamente solo dopo l’intervento dei questori della Camera.

«[…] Credo anche di interpretare il pensiero di tutta questa Assemblea e certamente della
maggioranza del popolo italiano, tributando un caldo omaggio al Sovrano, il quale si è rifiutato
ai tentativi inutilmente reazionari dell’ultima ora, ha evitato la guerra civile e permesso di immettere nelle
stracche arterie dello Stato parlamentare la nuova impetuosa corrente fascista uscita dalla guerra
ed esaltata dalla vittoria.»

Qui l’urlo “Viva il Re! Viva l’Italia!” si alzò fragoroso. L’ovazione rivolta al Re e gli applausi partirono dai banchi fascisti per poi propagarsi agli altri settori della Camera. A questo non presero parte i socialisti ed i repubblicani.
Mussolini, poi, continuò il suo discorso affrontando il tema della politica estera, facendo un particolare riferimento all’intesa con la Francia e l’Inghilterra, e la questione della politica interna, ponendo l’accento sull’economia, sul lavoro e sulla disciplina. Successivamente si soffermò sulla riorganizzazione delle Forze Armate affermando:

«[…] Lo Stato fascista costituirà una polizia unica, perfettamente attrezzata, di grande mobilità e di elevato
spirito morale; mentre Esercito e Marina gloriosissimi e cari ad ogni italiano – sottratti alle mutazioni della politica parlamentare,
riorganizzati e potenziati, rappresentano la riserva suprema della Nazione all’interno ed all’estero.»

Questa invocazione fu seguita da una forte esultanza da parte dei fascisti, i quali urlano “Viva l’esercito! Viva la marina!”. L’urlo fu ripetuto con grande entusiasmo da tutti i componenti della Camera fuorché i socialisti.

«Signori! Da ulteriori comunicazioni apprenderete il programma fascista, nei suoi dettagli e per ogni singolo dicastero.
Io non voglio, finché mi sarà possibile, governare contro la Camera: ma la Camera deve sentire
la sua particolare posizione che la rende passibile di scioglimento fra due giorni o fra due anni.»

L’oratore espose questa frase aumentando notevolmente il tono della voce, lasciando trapelare che avrebbe potuto fare a meno della Camera e che da un momento all’altro avrebbe potuto decidere di eliminarla, a seconda se essa si fosse mostrata accondiscendente o resistente. A tali affermazioni i socialisti reagirono approvando in senso ironico, mentre tutti gli altri componenti dell’aula, eccetto i fascisti, risultarono sorpresi e sconcertati.

«[…] Così Iddio mi assista nel condurre a termine vittorioso la mia ardua fatica.»

Mussolini concluse il suo discorso con un’invocazione a Dio. La conclusione fu accolta da forti applausi da parte di fascisti, nazionalisti e liberali, mentre il resto della Camera restò in silenzio. Coloro che avevano mostrato approvazione durante l’enunciazione del discorso si recarono subito al banco del Governo per stringere la mano di Mussolini e congratularsi. L’onorevole però, non gradendo i complimenti così come annunciato al principio del suo discorso prese alcuni fogli e fece finta di leggere. Così i deputati che si erano affollati intorno a lui si allontanarono prontamente.[3]

Subito dopo Mussolini tenne un discorso identico presso il Senato.

Da Wikipedia

Lascia un commento